ARTISTA   Laura Zilocchi

“Io dipingo i miei sogni.”

Laura Zilocchi nasce nel 1949 a Guastalla in provincia di Reggio Emilia.
Frequenta l’Istituto Tecnico Commerciale nonostante il desiderio, avversato dai genitori, di frequentare l’Istituto d’Arte di Parma; inizia così a frequentare nascostamente gli studi di due artisti guastallesi, i Maestri Bartoli e Moscardini e sotto la guida di quest’ultimo apprende il disegno a inchiostro di china.

Rivelando una natura eclettica che ama sperimentare e spaziare nei vari ambiti della conoscenza, mentre coltiva la pittura con una produzione che inizia comunque con ritratti e paesaggi vivendo nel contesto naturale che la circonda, si accendono in lei altre passioni quali l’archeologia, la ricerca storica e persino la storia della gastronomia di cui è un’esperta; uno spiccato talento di scrittrice accompagna e sostiene le sue inclinazioni artistiche.
Dal paesaggio, eseguito per molti anni Laura evince suggestioni cromatiche che tratta successivamente come gesti espressivi e da qui ha origine la sua non figuratività; particolarmente attratta da figure storiche come Wassily Kandinsky cerca di ricostruire le emozioni che motivarono la nascita di quei capolavori mantenendo comunque autonoma la propria cifra stilistica.
Appassionata dunque di archeologia, la sua più recente ricerca verte sull’esame di graffiti e delle prime scritture archeologicamente documentate; in essi cerca quell’emblematicità che li trasmetta al presente come icone assolute del passato dell’uomo.
Da quel momento iniziano mostre e inviti presso musei e palazzi storici quali nel 2015 il Museo del Faro di Genova e Palazzo Zenobio degli Armeni di Venezia con patrocinio Unesco.
Nel 2016 è selezionata per esporre al complesso monumentale del Palazzo del Broletto di Novara,, al Museo di Arte Contemporanea di Monreale di Palermo.
E’ invitata dalla direttrice della Galleria -Museo Abartium , Eva Cunil, ad esporre, unica italiana, nella galleria di Barcellona; selezionata dalla Deputazione di Barcellona espone nel Castello di Montesquiu e nella Fondazione Claret sempre di Barcellona. Ha esposto in Giappone presso la Galleria Sistema Gallery e a N.Y. con la galleria Crisolart.
Sue opere si trovano presso Istituzioni in Italia e presso privati in Svizzera e Brasile.

Le sue ultime esposizioni la vedono partecipare nel corso del 2017-18 al progetto del Dr.Luigi Polillo “Il tempo dell’arte”, progetto che si è svolto presso Istituzioni pubbliche e sedi museali della Calabria, ad Agosto 2017 è selezionata per esporre un’opera al Museo di Cerreto Laziale MAMeC con inserimento su catalogo curato da Lidia Ravera Assessore alla Cultura della Regione Lazio e sempre nel 2017 è presente alla Esposizione Triennale di Roma nell’Altare della Patria, ala Brasini. A gennaio 2018 con la Curatrice Adelinda Allegretti è a Innsbruck tra artisti storicizzati come Marc Chagall, Andy Warhol, Damien Hirst, a marzo a Vernice Art Fire di Forlì con FriArte in “Protagonisti”, confronto tra artisti del novecento e contemporanei. Un suo lavoro è stato selezionato dalla D.ssa Mattea Micello per una esposizione presso l’Università di Stato di Jelets in Russia.
Con la D.ssa Giulia Sillato Storica dell’Arte per il MetaFormismo@, espone al Museo Casa dei Carraresi di Treviso il 5 luglio 2018 ; a settembre 2018 al Museo di Stato Vernadsky di Mosca.
Di lei hanno scritto Paolo Levi, M.Micello, V. Patarini, Giovanna.Galli, Azzurra Immediato, A.Rita DeLucca, Prof.ssa Giulia Sillato, il prof. Muhammad Aknter Javed president at National Committee presso International Council of Museums, il Dr Mauro Fantinato, Prof. Grigorj Ginzburg..

LE MIE OPERE

Condividi su: